CARDIO ON LINE EUROPE S.r.l.

PUGLIA APRIPISTA DELLA TELECARDIOLOGIA: UN SUPPORTO DEL 118 PER LE EMERGENZE

di Claudio Lopriore

(Dg Cardio On Line Europe, Bari, Socio accreditato Sit, Roma)

La Puglia è stata la prima Regione italiana a utilizzare in maniera sistematica e istituzionalizzata la telecardiologia nelle emergenze, a supporto della rete di soccorso del 118. La particolare distribuzione sul territorio delle unità di cardiologia Utic e dei centri di emodinamica interventistica, unitamente alla necessità di un intervento sempre più tempestivo e appropriato nella diagnosi e trattamento delle sindromi coronariche acute, hanno reso cruciale la selezione dei pazienti da inviare presso i centri specialistici, per l’appropriatezza dei ricoveri e l’ottimizzazione delle risorse sanitarie. Gli obiettivi primari sono stati il corretto e rapido accertamento diagnostico e la riduzione dei tempi di rivascolarizzazione miocardica precoce, che risulta essere la strategia più idonea per migliorare la prognosi dell’infarto miocardio acuto (Ima) a breve e a lungo termine. Tutti gli studi sono infatti concordi nell’affermare che la riperfusione del vaso – che venga attuata mediante trombolisi farmacologica o mediante Ptca primaria – comporta un’estensione del tessuto miocardico vitale, tanto maggiore quanto più precoce è il trattamento. L’obiettivo primario della telecardiologia nelle emergenze è chiaro. Eseguire un tracciato elettrocardiografico standard (a 12 derivazioni) immediatamente nel luogo stesso dove il paziente viene soccorso e trasmetterlo al Centro servizi specialistico, al fine di accertare nel modo più rapido una patologia cardiaca, consentire cure più tempestive e favorire il trasporto del malato nel centro più adeguato. Ma un evidente vantaggio si realizza anche nei casi in cui non viene riscontrata alcuna patologia potendo tranquillizzare il paziente ed evitando prestazioni sanitarie non appropriate. Il risparmio di risorse è in questi casi evidente, come il vantaggio che si determina per i servizi di Pronto soccorso, che non vengono intasati inutilmente. Per ottenere la più completa affidabilità delle prestazioni erogate e una maggiore efficacia dei risultati prodotti, nel progetto di Telecardiologia nell’emergenza sono state impiegate le tecnologie più avanzate (elettrocardiografo Aerotel “CardioVox P12”) ma soprattutto è stato applicato il modello organizzativo più sicuro ed efficiente con una Centrale dedicata, costantemente presidiata da operatori specializzati e cardiologi, immediatamente pronti a refertare l’esame Ecg e a effettuare la teleconsulenza professionale, non lasciando mail solo il personale del 118 che effettua il soccorso. Questa soluzione, per quanto onerosa, è sempre stata adottata con convinzione dalla Cardio On Line Europe. Requisito fondamentale della procedura di telecardiologia in emergenza è infatti la rapidità dei tempi di esecuzione. Il tracciato registrato viene trasmesso in meno di un minuto al centro servizi dedicato, che funziona 24 ore su 24, sempre presidiato da specialisti. La decodifica richiede tempi altrettanto rapidi e quindi bastano pochi secondi perché il cardiologo sia in grado di fornire il proprio referto e il teleconsulto. Proprio questa attenzione ad assicurare celermente, in ogni momento, il servizio, con cardiologi dedicati (non già assegnati a primari compiti di reparto) e sempre presenti (dunque non in reperibilità telematica) costituisce la caratteristica altamente qualificante del progetto, che rappresenta il primato indiscusso della Regione Puglia e di Cardio On Line Europe nel panorama italiano ed europeo della telemedicina e del servizio 118.

Allegati

Nome Descrizione Link
I numeri della telecardiologia in Puglia --
Puglia apripista della telecardiologia, un supporto del 118 per le emergenze --

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata.

Puoi usare i seguenti attributi e tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>